Enzo-Boschi+sismologo-OsservatorioVesuviano-Vesuvio-Terremoti-scalaMercalli- Perugia-Norcia-Istituto-di-Vulcanologia-e-geofisica-Napoli-Vomero-iene-terremotati-Irpinia-Ischia-Malta-Svizzera-Tirana-Bossi

Sismologo Boschi, ecco cos’ha detto sul terremoto del centro Italia

Share via email
Share on Myspace

Enzo Boschi, sismologo e geofisico, uno dei massimi esperti europei di terremoti ed ex presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv): «Bisogna fare grande attenzione nelle prossime ore e giorni perchè in queste zone spesso avvengono forti scosse a coppie, cioè si ripete una seconda scossa forte nella stessa zona e uguale alla prima»

«A fronte di questo alto rischio, non bisogna entrare negli edifici che sono rimasti in piedi oggi prima di un attento controllo di tecnici e esperti della Protezione Civile», avverte Boschi. «Nel terremoto dell’Emilia Romagna si ebbe, a distanza di pochi giorni, una forte scossa uguale alla prima e – ricorda il geofisico – le maggiori vittime si ebbero proprio a causa della seconda perchè molte persone entrarono negli edifici ancora in piedi, senza preventivi controlli sulle strutture». 

«L’area appenninica in cui è avvenuto il terremoto di questa notte è identificata come ad alta pericolosità sismica, la massima in Italia» per rischio terremoti, dice Boschi. Si tratta, sottolinea, «della stessa area sismica de L’Aquila e dell’Umbria, tutte zone ad alto rischio sismico che hanno registrato di recente violenti terremoti» aggiunge l’ex presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

Sono state 39 le scosse principali in 3 ore, di magnitudo 3, avvertite tra Lazio-Marche e Umbria introno alle 3,36, quando la scossa di magnitudo 6 ha raggiunto Rieti, questi sono  i dati riportati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Le scosse più forti si sono registrate intorno a Norcia provincia di Perugia:  la prima con una magnitudo di 5.4 avvenuta alle 4:33, preceduta appena un minuto prima, alle 4:32, da una scossa di magnitudo 5.1.

Nella notte e nelle prime ore del mattino si sono registrate anche cinque scosse di magnitudo superiore a 4. La prima è avvenuta a Rieti alle 3:56, ossia 20 minuti dopo la scossa principale di magnitudo 6.0. Sempre nella zona di Rieti c’è stata una scossa di magnitudo 4.0 alle 5:08, seguita da una di magnitudo 4.2 alle 5:40. Nell’area di Perugia si è registrata una replica di magnitudo 4.1 alle 4:49, seguita da una di magnitudo 4.3 alle 6:06.

Share via email
Share on Myspace
PapaFrancesco+cittàdelvaticano+vescovi+diocesi-istitutireligiosi-terremotati-Pescara-Rieti-marche-Ancona-Pescaradeltronto-iene-Napoli-Lazio-Rimini

Terremoto centro Italia:la dichiarazione del Vaticano

Share via email
Share on Myspace

Città del Vaticano, un milione di euro stanziato per i terremotati del centro Italaia, presi dei fondi dell’8 per mille, per i primi soccorsi, per generi di prima necesità.

I vescovi in un comunicato hanno precisato che ha partire dal 18 settembre in tutte le chiese e diocesi, sarà fatta una colletta nazionale per raccogliere denaro ed aiutare le vittime. Le diocesi, la rete delle parrocchie, degli istituti religiosi e delle aggregazioni laicali sono invitate ad alleviare le difficili condizioni in cui le persone sono costrette a vivere”. 

Hanno fatto metà del loro dovere.

Share via email
Share on Myspace
Kefir+Miso+Giappone-TèKombucha+Kimchi-Coreadelnord-coreadelsud-Napoli-Roma-iene-colosseo- Renzi-Merkel-Caucaso-Russia

I 5 cibi che fanno vivere più a lungo, elisir di lunga vita

Share via email
Share on Myspace

Mangiare bene fa bene alla salute, ma ci sono alcune tipologie di alimenti che addirittura assicurano lunga vita. Sono i cibi fermentati, hanno qualità benefiche per il nostro organismo.  I cibi fermentati sono ricchi di flora batterica, contengono batteri buoni utili per la salute del nostro corpo.

Ecco i 5 cibi elisir di lunga vita.

1) Zuppa di miso, è un piatto tipico giappone. Trovate qui la ricetta.

2) Il Kimchi, è un piatto coreano formato da verdure fermentate, Come si prepara.

3) Kefir, si ottiene con il latte fermentato, molto popolare nella ex unione sovietica.  Lo potete trovare in commercio anche alla Coop e in alcuni supermercati.

4) Il tè Kombucha, Si tratta di un infuso fermentato con una massa solida macroscopica di batteri e lieviti detta “kombucha madre”.

5) Lo yogurt fatto in casa, è molto più fermentato di quello del supermercato

 

Share via email
Share on Myspace
Cocco bello+cocco-fresco+noce dicocco+Romagna-Rimini-Riccione-Viareggio-Lazio-Sperlonga-Formia-camorra-racket-carabinieri-Latina-MarinadiLicola-Turchia-merkel-iene

Cocco bello, cocco fresco, il bussiness milionario della camorra, guadagnano 2500€ al mese

Share via email
Share on Myspace

Cocco bello cocco fresco, un bussiness milionario della camorra, escono al mattino spresto con kg di cocco sulle spalle, fanno su e giù sulle spiagge, sotto il sole senza riparo, fino alla sera tardi.

Si capisce dall’accento la provenienza, le coste più gettonate sono quella romagnola e quella sarda, adesso anche le coste laziali e toscane. I gruppi vengono organizzati a Napoli in primavera e partono a giugno, il costo del viaggio e a carico dell’organizzatore, se qualche dipendete “sgarra” e non rispetta le regole, se ne deve tornare a casa a spese sue. Ci sono delle regole ferree imposte dagli organizzatori, la prima è quela di non parlare e di non rispondere a nessuno a chi fa domande indiscrete, la seconda regola è quella di controllare le zone e se qualcuno nota un intruso deve subito avvertire al boss (ò mast), perchè il cocco  sulle spiagge lo devono vendere soltanto loro, non ci deve essere nessun concorrente che non sia napoletano, arrivano 2 scagnozzi e se serve si arriva anche alla violenza . Poi ci sono le donne, che si confondono tra i bagnanti e hanno il compito di controllare che i dipendenti fanno il proprio dovere.

Oltre alle spiagge sarde, le spiagge più gettonate sono Rimini, Riccione, Viareggio, Argentario, Formia, Sperlonga e alcune spiagge della Campania, da marina di Licola fino alle coste laziali dopo Mondragone. Quante volte abbiamo visto venditori di cocco sulle spiagge, con grossi sacchi sulle spalle con kg di cocco? L’abbiamo pure mangiato da bambini, quando c’è lo comprava la nostra mamma, dipendenti per così dire sfruttati dalla camorra napoletana che gestisce il racket della vendita del cocco sulle spiagge.

Gli organizzatori guadagnano 80mila milioni di euro all’anno esentasse, ai dipendeti viene offerto vitto e alloggio e il 40% dei guadagni giornalieri naturalmente a nero, ongi mese guadagano 2500€, 200€ al  giorno al capo. Le forze dell’ordine sono al corrente di questo racket, ma non riescono a stroncare questo racket, qualche hanno fa furono arrestati 2 pregiudicati napoletani in Sardegna che avevano gonfiato di botte una persona straniera, che aveva osato vendere il cocco sulle loro zone “controllate”, furono condannati per tentato omicidio.

Come stroncare questo racket? Semplice, non comprate il cocco dai venditori ambulanti sulla spiaggia.

 

Share via email
Share on Myspace
Michelle Hunziker+striscialanotizia+mediaset+italia1-Gossip-Napoli-Turchia.migranti-iene-issis-Merkel-renzi-regnounito-Francia

Michelle Hunziker, un appello a tutti i suoi fan su istagram

Share via email
Share on Myspace

Michelle Hunziker su istagram lancia un appello a tutti i suoi fan, una riflessione sulla sua vita privata e professionale: “Prima di ogni altra – ha scritto sul social - cosa desidero ringraziare tutte le persone che quotidianamente dimostrano un affetto incredibile nei miei confronti, ma sopratutto moltissimo interesse e partecipazione alla mia vita.

Sicuramente anche dedotto dal fatto che io ho sempre condiviso con piacere le mie emozioni,i miei momenti più belli e anche quelli meno belli della vita perché sono convinta che dalle brutte esperienze elaborate bene,si può sempre fare qualcosa per dare una mano a chi magari non ci è ancora cascato. Si chiama “give it back” ( “restituire”per gratitudine). Infatti per questo ho creato con l’avvocato Giulia Bongiorno, 8 anni fà Doppia Difesa (www.doppiadifesa.it) Onlus. Un centro antiviolenza,ma anche un posto dove le vittime possono chiedere consigli legali gratuiti, assistenza psicologica e sanitaria. È una vera e propria battaglia per cercare di dare una mano concreta dove possiamo”.

“Detto questo chiedo a tutte le persone che mi vogliono bene di non badare a chi vuole fare del male o denigrare i personaggi pubblici come me sui social. Queste persone che ci seguono per detestarci ( un controsenso unico

Share via email
Share on Myspace
Leonardo-dicaprio+nina-Agdal+HillaryClinton+newYork+StatiUniti+Usa+America+grandemela-iene-Napoli-Ischia-migranti-malta

Leonardo di Caprio coinvolto in un incidente con la fidanzata

Share via email
Share on Myspace

Leonardo di Caprio e la sua fidanzata Nina Agdal, sono stati coinvolti in un incidente stradale, si trovavano negli Hamptons, New York, si sono scontrati con una mini cooper, niente di grave, ma per sicurezza è arrivata un’autoambulanza.

Alcuni testimoni hanno raccontato al tabloid americano che Di Caprio prima dell’arrivo dei soccorsi, si era preoccupato della salute di alcuni passeggeri. L’attore era in zona per raccogliere i fondi per la candidata Hilary Clinton alla presidenza degli Stati Uniti.

 La serata si chiamerà “Conversation with Hillary”, che mira ad incassare fondi per la candidata alla presidenza. In realtà il luogo dell’evento doveva essere Los Angeles a casa di Di Caprio, ma per motivi di lavoro: deve realizzare un documentario, lo ha trattenuto a New York.

Così ha chiesto aiuto ai suoi amici Justin Timberlake e Jessica Biel, che gli hanno dato la disponibilità della loro casa, doveva essere un incontro, invece è stato uno scontro con tanto di tamponamento, ma non è stato nulla di grave, adesso Leo e Nina stanno bene e si stanno dirigendo sulle spiaggie più scic.

La storia tra Leo e nina è appena iniziata, non è una nuova fiamma, si erano frequentati già 6 anni fa, ma l’amore non era sbocciato, adesso sperano che sia la volta buona.

Share via email
Share on Myspace
Glutammatomonosodico+dado-da-brodo+esaltatore-di-sapidità-spezie-iene-Napoli-capri-ischia-brasile-nuodo-judo-ginnasticaritmica

E’ cancerogeno, ma noi continuiamo a mangiarlo

Share via email
Share on Myspace

Il dado del supermercato ha una sostanza cancerogena: il glutammato monosodico (sigla E621), è un’ecitotossima cancerogena che in Italia è ancora consentita e diffusa nei prodotti industriali e da supermercato.

In molti paesi ne è stato vietato l’uso come il Regno Unito, nei loro dadi da brodo non c’è il glutammato monosodico, perchè da studi è emerso che è responsabile di molte patologie e tipi di cancro.

A preoccupare non è solo il dado da brodo, ma anche cibi cotti alla piastra come ad esempio l’hamburger alla piastra, 

è la peggiore di tutte poiché si sfiora una temperatura di 250 ° quindi le sostanza cancerogene sono molto concentrate. Anche l’arrosto sfiora i 230° ed è pericoloso.

Consiglia quindi il bollito che arriva a 100°, in questo caso quindi si formano meno sostanza cancerogene.

E’ stato chiesto al dottor Francesco Perugini Billi, chi è abituato a insaporire cibi con i dadi da brodo, se esiste un sostituto naturale.

“La cosa migliore è farsi da soli un preparato per brodo. Se questo non è possibile, si possono acquistare in commercio dadi privi di glutammato monosodico, spesso di produzione biologica”-

Come mai se ne parla poco del glutammato monosodico?

“Il glutammato monosodico è un esaltatore di sapidità, cioè dà sapore, e purtroppo molti dei cibi pesantemente elaborati dall’industria alimentare sarebbero, se non “corretti”, privi di sapore o addirittura disgustosi. È uno dei tanti additivi utilizzati dall’industria per far apparire le cose come non sono, sia in termini di colore, sapore e sostanza, e rinunciarvi vorrebbe dire non poter più vendere certi prodotti”

Il glutammato monosodico lo trovate anche in molti cibi conservati nelle scatolette, come ad esempio fagioli, piselli, ceci, attenzione a leggere sempre gli ingredienti di quello che comprate. Ritorniamo ai sapori naturali, insaporendo i cibi con delle spezie. Purtroppo molte persone non sanno cosa mangiano, non leggono gli ingredienti di quello che mangiano.

Share via email
Share on Myspace
Sesso-davanti-ai-carabinieri+sesso-all'aperto-carabinieri-telecamere-Padova-iene-Veneto-Venezia-Napoli-isis-terrorismo-migranti-Pakistan-Turkia-putin-Renzi-merkel

Padova,coppia focosa, sesso davanti ai carabinieri.

Share via email
Share on Myspace

Padova, coppia focosa ripresa dalle telecamere in posizioni di sesso estremo, davanti a caserma dei carabinieri, nulla ha impedito alla coppia di esibirsi, nemmeno la pioggia, le 28 anni laureata in architettura a Venezia, lui falegname di Vicenza.

Si sono appartanti nel parcheggio, ma vicino alla caserma provinciale dei carabinieri dove c’era una grossa insegna con su scritto “carabinieri”, ma non si sono accorti per niente delle telecamere che hanno riperso tutto, si sono prima baciati e poi si sono abbassati i pantaloni e mutande per fare del sesso orale.

Share via email
Share on Myspace
Maria De Filippi+amici+uominiedonne+mediaset+canale5+la5-Emma-Marrone-Coach-tronista-tronista-gay-Maurizio-Costanzo-Napoli-iene-gironeA-Balotelli-Torino-Juve-Ischia-Casoria-stadera-casenuove-Cagliari

Maria De Filippi: Amici serale è in crisi

Share via email
Share on Myspace

Amici edizione serale, la trasmissione di Maria De Filippi è in crisi per la prossima stagione.

La composizione del tavolo dei giudici e la parte dei coach, come fa sapere Alberto Dandolo su “Oggi” è ancora tutta da comporre: “Grandi novità il prossimo anno ad Amici – fa sapere la rivista –  solo Elisa è stata confermata tra i coach e nella giuria i nomi certi sono Morgan e Sabrina Ferilli. Potrebbe arrivare Marco Mengoni, se la sua manager cesserà di considerare Amici troppo… pop”.

 

Share via email
Share on Myspace

Un blog per essere informati su tutto, dalla cultura, a fatti di cronaca. Iscrivetevi per poter commentare